5 giugno: Giornata mondiale dell’Ambiente

La Giornata mondiale dell’Ambiente è uno di quegli appuntamenti che non si possono dimenticare: proclamata nel 1972 dall’assemblea generale delle Nazioni Unite, si celebra ogni anno il 5 giugno ed è l’occasione giusta per fermarsi a riflettere sulla necessità di lavorare tutti insieme, istituzioni, aziende e cittadini, per garantire la tutela dell’ambiente e della salute alle generazioni future.

Quest’anno l’ONU ha scelto un tema urgentissimo e di grande attualità: fermare l’inquinamento da plastica; ad ospitare l’evento sarà l’India, protagonista di buone pratiche interessanti – dal riciclo della plastica pescata al largo all’impiego di materiali riciclati per rendere più resistenti le strade ­– contro questo problema di rilevanza planetaria. 

Secondo le stime dell’UNEP (il programma delle Nazioni Unite per l’ambiente), il 10% dei rifiuti prodotti nel mondo è costituito da plastica; negli oceani finiscono ogni anno 8 milioni di tonnellate di rifiuti plastici (l’equivalente di un camion pieno di rifiuti ogni minuto) e di questo passo nel 2050, avverte l’UNEP, il mare rischia di avere più plastica che pesci.

In questo scenario, se è fondamentale l’impegno da parte di governi e istituzioni sovranazionali – è di pochi giorni fa la direttiva proposta dalla Commissione Europea per ridurre la plastica monouso e i rifiuti marini – determinante risulta anche il ruolo dei singoli cittadini.

Del resto l’Unione Europea stessa nella direttiva ha posto l’accento sull’importanza di sensibilizzare i cittadini contro la dispersione nell’ambiente e nei mari dei rifiuti.

È una questione culturale in senso lato: le scelte dei consumatori e i loro comportamenti sono e saranno sempre più decisivi in questa lotta contro l’inquinamento da plastica. Per questo siamo tutti chiamati a fare qualcosa, consapevoli che dipende anche da noi e questo non va mai dimenticato.

In Italia proprio in questi giorni il Tavolo Permanente per il Riciclo di Qualità - composto da Federazione Gomma Plastica, IPPR-Istituto per la Promozione delle Plastiche da Riciclo, Corepla (il consorzio per la raccolta e il riciclo degli imballaggi in plastica), Enea, ISPRA e Legambiente - ha stilato un “Decalogo dell’usa e getta” per aiutare i cittadini ad usare responsabilmente la plastica, allungare la vita dei prodotti per ridurne l’impatto e riciclare.

Si tratta di 10 consigli pratici e facilmente applicabili quotidianamente, attraverso cui ognuno può dare un grande, prezioso contributo ad arginare il problema.

Votato all’unanimità il bilancio 2017

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
  • 16
  • 17
  • 18
  • 19
  • 20
  • 21
  • 22
logo malu web