Legacoop ed Agenda 2030

La Cooperazione protagonista naturale per la costruzione dello sviluppo sostenibile.

“Quello che state facendo è straordinario. Credo che davvero siate l’associazione più avanzata tra tutte quelle di categoria e che per questo potrete aiutare gli altri a compiere passi avanti lungo il cammino che insieme dobbiamo percorrere”. Si è espresso così Enrico Giovannini, portavoce dell’ASVIS (Alleanza italiana per lo sviluppo sostenibile), al convegno “Cooperazione 2030: le strategie della sostenibilità di Legacoop”.

Si è trattato di un’occasione per fare il punto sulle azioni messe in campo da Legacoop per dare il proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi di “Agenda 2030”, il documento siglato nel 2015 dai Capi di Stato in sede ONU che indica gli obiettivi di sviluppo sostenibile da raggiungere entro il 2030.
Il documento individua 17 obiettivi globali (goals), articolati in 169 obiettivi specifici (targets) che attraversano i temi della povertà, dell’ambiente, dell’uguaglianza e della giustizia sociali.  

Il Presidente Legacoop Mauro Lusetti ha spiegato che l’associazione di rappresentanza cooperativa ha accolto sfida a tutti i livelli: chiedendo all’intera struttura di ripensare la propria attività alla luce degli obiettivi di Agenda 2030, domandando un contributo progettuale ai vari settori che la compongono e sostenendo la presentazione di progetti da parte delle cooperative associate, promuovendo quindi nel concreto l’applicazione e la diffusione delle buone pratiche, che a breve saranno illustrate in un apposito sito.

Vanni Rinaldi, responsabile nazionale del progetto per Legacoop, ha fatto notare come la sostenibilità sia insita nel concetto stesso di cooperazione, che è fondata sull’indisponibilità del patrimonio da parte dei singoli affinché rimanga a disposizione delle le generazioni future: l’ottica della sostenibilità sta nelle radici dell’impresa cooperativa. Per questo quando le Nazioni Unite hanno proposto l’Agenda 2030, è sembrato naturale iniziare a fare fino in fondo la propria parte.

Tra gli atti formali promossi e realizzati da Legacoop va ricordata la sottoscrizione di una Dichiarazione d’intenti insieme alle altre associazioni di categoria, che si auspica verrà rispettata e concretamente realizzata da tutti i firmatari.

È innegabile che l’attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile attraversa e determina processi profondi di mutazione della società e del mercato: tutte le analisi raccontano che è in corso un cambiamento molto forte, che corre anche lungo una differenziazione  generazionale. Un recente sondaggio sulla sicurezza, ad esempio, pone al primo posto tra le preoccupazioni degli italiani quelle legate all’ambiente e alla sostenibilità globale, tra l’altro anche per la paura che un deterioramento ulteriore del clima provochi nuove e più forti ondate migratorie.

Ma non bastano proclami, documenti e protocolli d’intesa per la realizzazione delle strategie di sviluppo sostenibile ed il raggiungimento degli obiettivi di Agenda 2030: le organizzazioni coinvolte, come Legacoop, sono fatte di imprese, come Idealservice, a loro volta fatte di persone, come le nostre Socie ed i nostri Soci.

Noi di Idealservice siamo da sempre attenti ai temi dello sviluppo sostenibile ed ora il nostro impegno è di esserlo ancora di più: per farlo dobbiamo semplicemente essere ancora di più noi stessi, responsabilmente.
Come Impresa, come comunità di persone, come singoli cittadini.



Approfondimenti:

Presentazione sintetica dell'Agenda 2030

Versione integrale dell'Agenda 2030
Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Commenti
  • albert

    Wow! Nice stuff I found it very interesting and want to share it with my friend. I want to say that keep sharing its updates with me. emergency Plumbers buffalo NY

SCRIVI UN TUO COMMENTO

Ultimi post

  • 1
  • 2
  • 3
  • 4
  • 5
  • 6
  • 7
  • 8
  • 9
  • 10
  • 11
  • 12
  • 13
  • 14
  • 15
logo malu web